Misery non deve morire

Un film impossibile da dimenticare
Misery non deve morire
Titolo: Misery non deve morire
Cast: Kathy Bates, James Caan, Lauren Bacall
Regia: Rob Reiner
Protagonisti: Scrittori, Malati
Materia: Rapimento
Energia: Sopravvivenza, Violenza
Spazio: Colorado
Tempo: Anni 80

Paul Sheldon è uno scrittore di successo legato alla saga di Misery, un eroina da cui vuole slegare la sua immagine.
Pubblicato l’ultimo romanzo in cui Misery muore, si reca tra le nevi del Colorado in cerca d’ispirazione per un nuovo libro su un’altro argomento.
Qui ha un’incidente e sarebbe certamente morto senza il soccorso di Annie Wilkes, un’infermiera che vive da sola in una fattoria.
Paul Sheldon si ritrova con le gambe rotte in casa di Annie, in attesa che le strade tornino praticabili e lui possa essere trasportato in città.
Annie, che si professa la sua fan numero uno e conoscere i suoi romanzi a memoria, acquista l’ultimo romanzo della saga di Misery appena pubblicato.
Non appena scoperto che Misery muore il loro rapporto cambia, e da infermo in via di guarigione Sheldon diventa prigioniero.
Annie si rivela una psicopatica ed esige che Sheldon scriva un’altro libro dove Misery torni in vita, per Sheldon è solo l’inizio di un incubo.

Inquietatne thrillerone ansiolitico vicino all’horror, che è entrato prepotentemente nella storia del cinema soprattutto grazie alla bravissima Kathy Bates che ha impersonato magistralmente la psicopatica protagonista.
La storia cattura lo spettatore che intuisce sin da subito la doppia personalità della protagonista, rimanendo legato alla poltrona proprio come lo sventurato scrittore e partecipando attivamente alla sua lotta per liberarsi e avere la meglio, in qualsiasi modo, di quella sempliciotta casalinga psicopatica.

Voto Finale: Imperdibile

Frase del Film: C’è una giustizia superiore a quella dell uomo, io verrò giudicata da Lui!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Anni 80, Colorado, Malati, Rapimento, Recensioni, Scrittori, Sopravvivenza, Violenza e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Misery non deve morire

  1. amleta ha detto:

    Davvero indimenticabile, specialmente per quella sua collezione di statuine di porcellana…ah ah ah,…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...