Passengers

Chris Pratt, in un viaggio interstellare verso il futuro, si sveglia troppo presto dalla sua ibernazione.
Passengers
Titolo: Passengers
Cast: Jennifer Lawrence, Chris Pratt, Michael Sheen, Laurence Fishburne, Andy Garcia
Regia: Morten Tyldum
Protagonisti: Coloni, Astronauti
Materia: Fantascienza
Energia: Sopravvivenza
Spazio: Universo
Tempo: Futuro

Jim Preston è in viaggio verso Homestead II, un pianeta abitabile che la missione stà andando a colonizzare.
Per un malfunzionamento si risveglia e scopre che non solo è l’unico ma mancano 90 anni all’arrivo.
Le tenta tutte ma il suo destino sembra segnato, morire da solo nell’atronave che lo stava portando verso un luminoso futuro pieno di opportunità.
Dopo pochi mesi da solo con un androide barman, come unica possibilità di conversazione, inizia a dare di matto e decide di risvegliare qualcuno.
Dopo aver considerato il fatto che risvegliare qualcuno equivarrebbe ad una condanna a morte, egoisticamente decide di farlo, la sua scelta cade su una giornalista scrittrice, Aurora Lane.
Risvegliata gli comunica la situazione e il guasto ed insieme accettano il loro destino, con Jim che porta con se il peso del suo segreto.
I malfunzionamenti peggiorano e i due ormai innamorati si trovano prigionieri in una nave che affonda nello spazio.

Se da una parte troviamo un ottima realizzazione tecnica fantascientifica sempre più realistica come in The Martian o Interstellar, dall’altro la trama mette dei paletti alla fantascienza stessa, un solo androide e le capsule di ibernazione monouso ne sono un’esempio.
Nonostante la buona storia porti lo spettatore ad importanti riflessioni sullo stato del protagonista, vada a schiantarsi nel finale Holliwoodiano con esplosioni e atti di eroismo estremi, il film ci lscia soddisfatti, ma non credo lo troverema alla notte degli Oscar da protagonista.

Voto Finale: Accettabile

Frase del film: Tu hai rubato la mia vita

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Astronauti, Coloni, Fantascienza, Futuro, Recensioni, Sopravvivenza, Universo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...