La grande partita

La guerra fredda si è combattuta anche sulla scacchiera!
La grande partita
Titolo: La grande partita
Regia: Edward Zwick
Cast: Tobey Maguire, Liev Schreiber, Lily Rabe, Peter Sarsgaar
Protagonisti: Sportivi
Materia: Biografia, Sport
Energia: Realizzare Sogni
Spazio: Usa, Islanda
Tempo: Anni 60, Anni 70

A 12 anni Bobby Fischer è già un campione di scacchi e presto diventerà il più giovane campione americano.
Cresciuto con la mamma, senza un padre, Bobby ha un carattere irascibile ed estroverso come sì confà ai geni e ha una sola cosa in testa, diventare il più giovane campione del mondo di scacchi battendo i campioni russi.
Al Torneo dei Candidati, il torneo che qualifica lo sfidante al campione del mondo, i russi si coalizzano per abbassargli il punteggio, così Fischer si ritira non solo dal torneo ma dall’attività agonistica scacchistica.
4 anni dopo i campioni russi vengono in America a fare una tournée di esibizione, una tournée diplomatica in piena guerra fredda.
È l’occasione per far rientrare Bobby Fischer, grazie a un avvocato che lo rappresenta pro bono, il povero ragazzo di Brooklyn sfida l’Impero russo, Bobby Fischer è uno strumento per combattere una delle tante battaglie della guerra fredda.
Bobby ha grossi problemi mentali e per questo è ingestibile, perde la finale contro Spassky, il campione del mondo in carica.
L’episodio fa tornare Bobby alle competizioni con un solo scopo, vuole diventare campione del mondo, tutti vogliono che batta i russi in un campo, gli scacchi, che dal dopoguerra ad oggi ha visto solo finali tra russi.
Dopo 3 anni di tornei finalmente Bobby diventa il campione candidato a sfidare il campione del mondo, la finale si disputerà in Islanda a Reykjavik su 24 partite.
Ma per la presentazione della finale Bobby non si presenta per i suoi problemi mentali e la paranoia.
Arrivato a Reykjavik in ritardo perde il primo incontro per un errore da principiante ed entra in crisi, avanzando assurde pretese all’organizzazione su dove e come giocare.
Dopo le pretese non soddisfatte non si presenta la seconda, perdendo a tavolino.
Sotto di 2-0 e con la minaccia di non presentarsi più sembra finita, e solo la sportivita di Spassky che accetta le condizioni di Fischer contro il volere del partito, permette di continuare la sfida.
Nella terza partita, giocata senza pubblico nella sala da ping pong dell’albergo dove si svolge il torneo, Bobby Fischer dà prova del suo genio disputando la più grande partita a scacchi di ogni tempo.
Bobby Fischer
Film biografico su quel personaggio controverso che fu Bobby Fischer.
Genio e malato, eccelse in una disciplina mentale come gli scacchi e cadde per colpa della sua paranoia e follia, che non solo lo portarono a vivere in esilio, ma ad odiare pubblicamente il proprio paese.
Il film ripercorre gli eventi che portarono alla grande partita, dando spazio alla personalità paranoica del campione, senza approfondire più di tanto.

Voto Finale: Accettabile

Frase del Film: Lui odia le patte!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Anni 60, Anni 70, Biografia, Islanda, Realizzare Sogni, Recensioni, Reykjavik, Sport, Sportivi, USA e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...