Il discorso del Re

Titolo: Il discorso del re
Regia: Tom Hooper
Cast: Colin Firth, Geoffrey Rush, Helena Bonham Carter, Guy Pearce
Protagonisti: Reali, Insegnanti
Materia: Biografia, Storia
Energia: Lotta interiore
Spazio: Londra
Tempo: Anni 20, Anni 30

Il principe Albertoè il secondo genito del Re Giorgio V, e come secondo genito non è il pretendente al trono.
Cresce all’ombra del padre e del fratello maggiore, cresce con un handicap, è balbuziente.
Con l’avvento nei primi mass media per un regnante è fondamentale sapersi presentare al popolo con discorsi autoritari che trascinano le masse, anche se non è un suo problema direttto prova tutti i metodi conosciuti per curarsi.
Uno degli ultimi tentativi li fa con Logue, un logopedista di origine australiana, ma dopo un’avvio incoraggiante anche con lui fallisce.
Muore il padre, e il fratello maggiore diventa Re Edoardo VIII, ma non è un buon Re, passa molto tempo lontano da palazzo infatuato di una ricca ed eccentrica nobildonna americana con 2 divorzi alle spalle.
Vuoi l’amore, vuoi il peso del dovere, Re Edoardo VIII decide di abdicare per sposarsi, non potendo un reale con una divorziata, ma Alberto vista la malaparata aveva già ripreso i trattamenti con Logue.
Il principe Alberto viene così incoronato Re come Giorgio VI e il suo cammino di cura intrapreso precedentemente toccherà il suo apice nel discorso radiofonico della dichiarazione di guerra alla Germania nel 1939.

Filmone che ha vinto l’oscar non più di una settimana fà.
La trama, abbastanza scontata visto che è storia, passa in secondo piano rispetto all’incontro-scontro di due personaggi interpretati splendidamente da due attori che meritavano entrambi l’oscar anche se poi l’ha vinto solo Colin Firth.
Ottima l’umanizzazione del futuro Re e della psicologia dei vari personaggi, bellissima la scena in cui all’ormai giorgio VI comunicano i misfatti nazisti in europa e si stà decidendo di scendere in guerra contro di essa, mentre sullo sfondo Hitler, maestro della comunicazione, incita le folle.
Unica figura buffa del film è Churchill, ma dicono che era veramente così, mah!

Voto finale: Bello

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Anni 20, Biografia, Insegnanti, Londra, Lotta Interiore, Oscar, Reali, Recensioni, Storia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...