Titolo: Bombshell – La voce dello scandalo

Le molestie di un uomo di potere!
bombshell
Titolo: Bombshell – La voce dello scandalo
Regia: Jay Roach
Cast: Charlize Theron, Nicole Kidman, Margot Robbie, John Lithgow
Protagonisti: Giornalisti
Materia: Mondo del lavoro
Energia: Emancipazione
Spazio: New York
Tempo: 2010

Il pubblico della Fox ama Trump, e la Fox conservatrice non può certo andargli contro, così quando il sessismo di Trump si scatena contro Megyn Kelly, una delle giornalista di punta della Fox, lei viene abbandonata alla tempesta mediatica.
Roger Ailes, capo della Fox, in realtà ha anni di abusi su giovani dipendenti alle spalle, e Gretchen Carlson una volta licenziata gli fa causa.
All’interno della Fox però c’è omertà tra le donne e sostegno per Ailes, e solo altre non più dipendenti della Fox si fanno avanti e si uniscono alla causa.
La causa però ha bisogno di qualcuno dall’Interno, Megyn Kelly però decide di muovere le acque.

Film tipicamente americano sul sessismo e le molestie negli ambienti di lavoro.
Tratto da fatti realmente accaduti da per scontati avvenimenti e richiami dell’attualità USA che non tutti riescono a collegare.
Bene il trucco e parrucco dei protagonisti, praticamente uguali alle controparti reali, ma la trama, lenta e dispersiva, fatica ad andare a segno.

Voto Finale: Insufficiente

Frase del film: Nessuna donna fa causa al suo capo!

Pubblicato in 2010, Charlize Theron, Emancipazione, Giornalisti, Mondo del lavoro, New York, Recensioni | Contrassegnato | Lascia un commento

Attacco alla verità – Shock and Awe

I Media possono dare al governo il sostegno alla guerra al terrorismo
Attacco alla verità - Shock and Awe
Titolo: Attacco alla verità – Shock and Awe
Regia: Rob Reiner
Cast: Woody Harrelson, James Marsden, Rob Reiner, Tommy Lee Jones, Jessica Biel, Milla Jovovich
Protagonisti: Giornalisti
Materia: Giornalismo, Politica
Energia: Ricerca della verità
Spazio: USA
Tempo: 2000

Dopo l’11 settembre l’America entra inguerra ed invade l’Afghanistan alla caccia di Bin Laden.
Ma sin da subito il governo Bush ha intenzione di attaccare l’Iraq per arrivare al Medio Oriente e le sue ricchezze, per questo cerca di collegarlo con l’11 settembre.
Per scatenare una guerra preventiva verso l’Iraq si cercano prove, poi costruite ad arte, che Saddam abbia o stia costruendo armi di distruzione di massa.
Nasce cosi la grande bugia, solo un manipolo di giornalisti del Knight Ridder pubblica sulle bugie e la mancanza di prove del governo americano, mentre il resto dei media cavalca l’onda del governo Bush sostenendo la bugia verso l’opinione pubblica della necessita della guerra.

Film sull’ennesima magagna americana perpretata dai vertici della nazione.
Giornalismo e politica materie da sempre ideali per film interessanti ma soprattutto di denuncia.
L’ottimo cast fa dimenticare qualche lacuna storica, data per scontata per l’americano medio ma che, per l’utente mondiale poco aggiornato sulla storia recente americana, appare come un vuoto, un salto di trama.
Godibile nonostante tutto.

Voto Finale: Accettabile

Frase del film: La verità non fà più vendere i giornali!

Pubblicato in 2000, Giornalismo, Giornalisti, Politica, Recensioni, Ricerca della verità, USA | Contrassegnato | Lascia un commento

Tully

Figli ed effetti collaterali indesiderati per crescerli.
Tully
Titolo: Tully (3000)
Regia: Jason Reitman
Cast: Charlize Theron, Mackenzie Davis
Protagonisti: Madre
Materia: Depressione
Energia: Sofferenza Familiare
Spazio: USA
Tempo: 2010

Alla nascita del terzo figlio Marlo non ce la fà più e cade in una depressione post parto.
Il fratello facoltoso gli “regala” una tata notturna per alleviarla dai suoi molteplici compiti, Tully è la tata, una ragazza che viene la sera e per tutta la notte bada i figli e pulisce casa, permettendo cosi a Marlo di riposare e avere una vita di giorno.
Marlo aveva pensato subito ad un inutile regalo snob tipico del fratello, ma Tully si rivela un valido aiuto migliorando notevolmente la qualità della vita.
Per Marlo Tully è fantastica, proprio quello che ci voleva, non sembra quasti vera!

Film drammatico con colpo di scena finale.
La magnifica interpretazione della Theron, trasformata in mamma stanca e sgraziata, dà quel quid in più ad un film che racconta i problemi di una mamma a crescere i figli mentre il padre lavora.
Problematiche di gente comune che eroicamente sacrifica gran parte della propria vita per donarla ai figli e alla loro crescita, non è poco! molti al giorno d’oggi fanno altre scelte!

Voto Finale: Accettabile

Frase del film: Cognome da nubile?

Pubblicato in 2010, Charlize Theron, Depressione, Madre, Recensioni, Sofferenza Familiare, USA | Contrassegnato | 1 commento

Non ci resta che ridere

Le barzellette di Paci e altre gag
Non ci resta che ridere
Titolo: Non ci resta che ridere
Regia: Alessandro Paci
Cast: Alessandro Paci, Massimo Ceccherini, Benedetta Rossi, Alessio Nonfanti
Protagonisti: Adulti
Materia: Comicità Demenziale
Energia: Storie di Vita
Spazio: Italia
Tempo: 2010

Barzellette, gag e sketch di ogni tipo e da ogni dove.
Alcune progressive altre mordi e fuggi, poche divertenti, molte banali e nonsense.
Più che un film una raccolta di situazioni e barzellette più o meno divertenti.
Se vi piace la comicità toscanaccia di Paci e della guest star Ceccherini ok, altrimenti se vi va di fare due risate passate ad un altro film.

Voto Finale: Scarso

Frase del film: Quando tutto è perduto non ci resta che ridere

Pubblicato in 2010, Adulti, Comicità Demenziale, Italia, Recensioni, Storie di Vita | Contrassegnato | Lascia un commento

Il tempo di vincere

La storia di Bob Ladouceur, un coach di football controcorrente.
 When the Game Stands Tall
Titolo: Il tempo di vincere
Cast: Chadwick Boseman, Harrison Ford, Lucas Black
Regia: Brian Helgeland
Protagonisti: Sportivi
Materia: Football, Biografia
Energia: Competizione, Crescita Interiore
Spazio: California
Tempo: 2000

Gli Spartans del Liceo De La Salle vincono l’ennesimo campionato con una striscia di 151 vittorie consecutive.
Bob Ladouceur, il loro coach forgia uomini prima di giocatori, un programma basato sulla crescita del ragazzo e non solo sul football.
Il coach è richiesto da tutte le università, richieste prontamente rifiutate.
Con l’annuale cambio generazionale i senior vanno al college e i nuovi entrati valgono tecnicamente la metà dei senior, in più pensano che la stagione sarà una passeggiata, per il coach c’è un duro lavoro davanti ma un brutto infarto lo allontana dalla squadra prima dell’inizio della stagione.
Bob ascolta perdere la sua squadra partita dopo partita, una volta ristabilito il suo ritorno coincide con il ritorno alla vittoria degli Spartans, tutti vogliono un altro record ma lui vuole solo lavorare sui ragazzi e farli diventare meritevoli.

Più buonismo che football in un film dalle tante lacune.
Tante belle frasi fatte ma poca enfasi e tra trama e recitazione non tutto fila liscio come dovrebbe.
Peccato perchè il soggetto biografico di un’uomo che rinuncia alla carriera per lavorare con i ragazzi, non per i record o per le vittorie, ma per forgiare uomini sembrava interessante, purtroppo la sua realizzazione lascia a desiderare.
Rivedendolo si apprezza il soggetto ma infine rimangono grossi dubbi sul risultato finale.

ReVoto Finale: Insufficiente

Frase del film: Il mondo è cambiato, sono cambiati anche i ragazzi

RPUX2
10 aprile 2016

Pubblicato in 2000, Biografia, California, Competizione, Crescita Interiore, Football, Recensioni, Sportivi | Contrassegnato | Lascia un commento

Un sogno, una vittoria

Non è mai troppo tardi per realizzare i propri sogni.
the_rookie
Titolo: Un sogno, una vittoria
Regia: John Lee Hancock
Cast: Dennis Quaid, Brian Cox
Protagonisti: Sportivi, Padre
Materia: Baseball, Seconda Chance
Energia: Competizione, Crescita Interiore
Spazio: Texas
Tempo: Anni 90

Jimmy morris ha sempre sognato di giocare a baseball, sogno frustrato dal continuo cambio di città per il lavoro del padre fino ad approdare in texas.
Jimmy sfiora le major e anche se aveva un bel braccio ben presto si concentra sulla famiglia anche grazie a qualche infortunio di troppo.
Ormai 35enne insegna e allena la squadra di baseball della piccola cittadina di Big Lake dove vive con la famiglia.
La squadra gioca bene e vinto il campionato fa partecipare il Coach Morris ad una selezione di baseball, Jimmy scopre che il suo braccio è migliorato e viene scelto, cosi torna a giocare a baseball nelle leghe minori.
Per mesi va di città in città, non è una vita per lui ,la nostalgia della famiglia lo porta a pensare di mollare, ma l’amore per il gioco lo farà tenere duro fino a realizzare il suo sogno giocare nelle Major.

Film sportivo a marchio Walt Disney sul baseball e sulla vita del nostro protagonista che inseguendo il suo sogno focalizza anche i veri valori della vita, la famiglia e il rapporto con il padre.
La reVisione non fa perdere nulla del fascino di questo film appartenente ad uno dei generi da me preferiti.

ReVoto Finale: Bello

Frase del Film: Nella vita ci sono cose più importanti del baseball

RPUX2
15 aprile 2015

Pubblicato in Anni 90, Baseball, Competizione, Crescita Interiore, Dennis Quaid, Padre, ReRecensioni, Seconda Chance, Sportivi, Texas | Contrassegnato | Lascia un commento

Vikings 6

L’atto finale della saga Vichinga.

Titolo: Vikings 6 – 2 parte
Cast: Katheryn Winnick, Alexander Ludwig, Alex Høgh Andersen, Marco Ilsø, Jordan Patrick Smith, Danila Kozlovsky, Peter Franzén
Protagonisti: Vichinghi
Materia: Avventura, Storia, Serie Tv
Energia: Violenza, Combattimenti
Spazio: Svezia, Russia
Tempo: 800

Dopo essere stato sconfitto e messo in fuga Ivar finisce in Russia a Kiev e li trova un nuovo alleato, il principe dei Rus, che si vuole espandere ad ovest sul territorio vikingo.
Mentre Ubbe vuole fare l’esploratore e Lagertha vuole ritirarsi a vita privata, Bjorn vuole far dimenticare i tempi di Ivar cercando di governare saggiamente i vichinghi.
Una delle sue prime scelte difficili è giudicare il fratello Hvitserk, che ossessionato da Ivar è preda di visioni che soffoca con alcol e oppio, uccide Lagertha per sbaglio.
Esiliato Hvitserk va a liberare Re Harald ostaggio di Re Olaf, Bjorn cade in un imboscata e si fa convincere da Olaf a chiamare a raccolta il consiglio dei Re per farsi dichiarare il Re di tutti i Norreni.
Qui viene tradito e Harald viene eletto Re dei Norreni, ma non cè tempo per le scaramucce interne, un grosso esercito invasore Rus arriverà a primavera con Ivar come stratega militare, i vichiinghi devono rimanere uniti o periranno.

Sesta (considerando varie spezzettature) stagione ed ultima della saga vichinga della famiglia di Ragnar Lodbrok.
Purtroppo dopo un inizio (quasi) convincente questa stagione accellera verso un finale lampo quanto iniquo e inconcludente.
Ok decidere di chiudere una serie Tv, ma farlo cosi è da “assassini”, infatti dare un finale cosi rovina il lavoro di anni, facendo si che anche il più affezionato fan di Ragnar Lodbrok difficilmente un giorno dirà “adesso mi riguarda tutta la saga!”.

Voto Finale: Deludente

Frase del film: Il mondo è cambiato, credo di saperlo ma non voglio saperlo!

Pubblicato in 800, Avventura, Combattimenti, Recensioni, Russia, Serie TV, Storia, Svezia, Vichinghi, Violenza | Contrassegnato | Lascia un commento

Tornare a vincere

I demoni del passato sono duri da combattere!
the way back
Titolo: Tornare a vincere
Regia: Gavin O’Connor
Cast: Ben Affleck
Protagonisti: Sportivi, Malati
Materia: Basket, Seconda Chance, Alcolismo
Energia: Competizione, Lotta Interiore
Spazio: California
Tempo: 2010

Jack Cunningham è un mezzo alcolizzato che sbarca il lunario, questo da quando ha perso il figlio dopo una lunga malattia che gli è costato anche il matrimonio.
Con un passato da promessa del basket viene ricontatto dal preside della scuola che aveva portato al top del basket giovanile, hanno bisogno di una mano, hanno bisogno di qualcuno che alleni la squadra di basket del college senza troppe prese, perchè per la scuola non è importante vincere ma formare i ragazzi e farli diventare uomini.
Jack inizialmente titubante, si tuffa anima e corpo in questa nuova avventura ottenendo anche ottimi risultati con la squadra.
Questo nuovo scopo nella vita si ripercuote positivamente per la propria salute generale.
Il peggioramento di un ragazzo malato di cancro amico di famiglia fà ricadere Jack nell’abisso dell’alcolismo.

Inizialmente classico film sportivo ben presto sposta il focus sull’alcolismo del protagonista che non riesce a superare il trauma della perdita del figlio.
Ben fatto, girato e interpretato, manca però di un focus preciso lasciandoci infine con una sensazione di incompiuto.

Voto Finale: Accettabile

Frase del film: Abbiamo un codice di condotta.

Pubblicato in 2010, alcolismo, Basket, Ben Affleck, California, Competizione, Lotta Interiore, Malati, Recensioni, Seconda Chance, Sportivi | Contrassegnato | Lascia un commento

Non succede, ma se succede…

La presidentessa e cenerentolo!
Non succede, ma se succede...
Titolo: Non succede, ma se succede…
Regia: Jonathan Levine
Cast: Charlize Theron, Seth Rogen, O’Shea Jackson Jr., Andy Serkis, June Diane Raphael, Bob Odenkirk, Alexander Skarsgård
Protagonisti: Politici, Giornalisti
Materia: Commedia, Politica, Amore
Energia: Innamoramento
Spazio: Usa
Tempo: 2010

Fred Flarsky è un giornalista d’assalto alternativo, orgoglioso e sopra le righe, fatica a stare alle regole perdendo il lavoro.
La stessa sera per buttarsi tutto alle spalle prende una sonora sbronza ad una festa dove incontra la bellissima segreteria di stato, Charlotte Field, che gli aveva fatto da baby sitter da piccolo e di cui lui è sempre stato innamorato.
Il giorno dopo Charlotte legge qualche suo articolo e decide di dargli una chance per scrivere discorsi per lei, che sta per buttarsi nella corsa per la presidenza.
Fred accetta di stare all’ombra di Charlotte e scrivere per lei, in giro per il mondo sempre insiem le differenze che li allontanano diventano forza di attrazione e l’amore tra i due sboccia.
I due però hanno timore a sottoporre la loro relazione all’opinione pubblica essendo lei candidata alla presidenza.
Ci penseranno le manovre oscure della politica a far venir fuori la loro relazione e a metterla a dura prova

Commediola su politici e la loro vita sotto i riflettori, però a parti invertite, essendo la protagonista la bellissima e affascinante Charlize Theron, che si innamora del “cenerentolo” di turno.
Le tipiche gag di Seth Rogen hanno uno stile forte e possono risultare “pesanti” ma il film scorre e bene e ci lascia sorridenti.
Niente di che ma ho visto cose molto peggiori.

Voto Finale: Accettabile

Frase del film: Diciamo che tipo la conosco ma non si ricorderà di me!

Pubblicato in 2010, Amore, Charlize Theron, Commedia, Giornalisti, Innamoramento, Politica, Politici, Recensioni, USA | Contrassegnato | Lascia un commento

Star Blazers 2199

L’ultima speranza per l’umanità è affidata ad una nave ed al suo equipaggio
Star Blazers 2199
Titolo: Star Blazers 2199
Regia: Akihiro Enomoto, Yutaka Izubuchi
Protagonisti: Astronauti
Materia: Fantascienza, Guerra, Animazione, Serie Tv
Energia: Salvare il mondo, Combattimenti
Spazio: Universo
Tempo: Futuro

L’umanità ha incontrato un’altra popolazione umanoide ma aliena, i Garmillassiani, ed è stata subito guerra.
I Garmillassiani hanno bombardato la terra con meteroriti ed ora la terra è praticamente invivibile e sta morendo.
C’e ancora speranza per i terrestri, la regina di Iskandar invia in aiuto la tecnologia per il motore ad onde moventi, necessario per raggiungerla e prendere il Cosmo Reverse System, un’altra tecnologia iskandariana, in grado di far tornare la Terra abitabile.
Nasce cosi il Progetto Yamato, sulle ceneri della nave da battagllia della seconda guerra mondiale viene costruita una possente astronave che deve compiere il pericolosissimo viaggio nello spazio profondo e sconosciuto.
Le radiazioni stanno filtrando sempre più nel sottosuolo dove i terrestri si sono riparati per sopravvivere e la missione sarà una lotta contro il tempo e contro la sterminata flotta dei Garmillassiani.
Ce la farà questo gruppo di giovani e baldanzosi avventurieri guidati dall’anziano ed esperto comandante Okita a salvare la terra.

Remake della serie tv Star Blazers, o ‘I Guerrieri delle stelle’ in italia nei primi anni 80.
26 puntate di nenache 30 minuti che ripercorrono la falsa riga della vecchia serie d’animazione anni 70, ma con disegni ed effetti speciali migliorati.
Rimane comunque una parte centrale della serie lenta e prolissa come l’originale, per portarci poi verso un finale emozionante con vari colpi di scena, anche perchè diverso dall’originale.
Il target di coloro che bambini primi anni 80 conoscono già “I guerrieri delle stelle” apprezzerà ancor di più questo tuffo nel passato.
Se vi capita non guardate il film! 🙂

Voto Finale: Bello

Frase del film: cosa pensano di fare con una sola nave?

Pubblicato in Animazione, Astronauti, Combattimenti, Fantascienza, Futuro, Guerra, Recensioni, Salvare il Mondo, Serie TV, Universo | Contrassegnato | Lascia un commento